Mediexplorer
OncoGinecologia.net
Gastroenterologia.net

Discinesia indotta dalla Levodopa: il trattamento con Dipraglurant è sicuro e ben tollerato nei pazienti con malattia di Parkinson


Sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase 2 riguardanti Dipraglurant, un candidato farmaco per i pazienti con discinesia indotta dalla Levodopa associata a malattia di Parkinson.

La discinesia indotta dalla Levodopa spesso comporta movimenti ipercinetici, tra cui corea, distonia, e atetosi.

Dipraglurant è una nuova piccola molecola, che si assume per os, in grado di inibire il recettore metabotropico del glutammato 5 ( mGluR5 ), e ha il potenziale per essere utilizzato in combinazione con Levodopa o con agonisti della dopamina per il trattamento della malattia di Parkinson.
Dipraglurant ha un profilo farmacocinetico che mima il profilo di Levodopa, rendendolo un potenziale trattamento per la discinesia indotta dalla Levodopa.

Dallo studio di fase 2 è emerso che Dipraglurant ha migliorato la discinesia nei pazienti con malattia di Parkinson.
La discinesia indotta dalla Levodopa può essere debilitante e può avere un impatto sull'uso dei farmaci per il trattamento dei sintomi motori.

Sono stati riportati i dati di ADX48621-201, uno studio multicentrico a incremento graduale della dose, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, di fase 2A in cui 76 pazienti con malattia di Parkinson e discinesia indotta dalla Levodopa da moderata a grave sono stati casualmente assegnati al trattamento con Dipraglurant ( da 50 mg una volta al giorno a 100 mg tre volte al giorno; n=52 ) oppure a placebo ( n=24 ).

Lo studio ha valutato la sicurezza e la tollerabilità di Dipraglurant nei pazienti affetti da Parkinson come endpoint primario.
Gli endpoint secondari comprendevano l'efficacia del farmaco rispetto al placebo nel ridurre la discinesia indotta dalla Levodopa nei pazienti con malattia di Parkinson e dei sintomi del Parkinson.
Altri endpoint secondari comprendevano la valutazione dell’effetto della co-somministrazione di Dipraglurant sull'efficacia della L-dopa.

I risultati dello studio non hanno rivelato importanti problemi di sicurezza con il trattamento.
Due pazienti non hanno completato lo studio a causa di eventi avversi gravi.
Gli eventi avversi più comunemente osservati relativi al trattamento hanno incluso: nausea, affaticamento, discinesia, e vertigini.

Dipraglurant è stato trovato ridurre la discinesia di picco dose ( misurata mediante la scala AIMS modificata [ Abnormal Involuntary Movement Scale ] ) al giorno 1 ( 50 mg ) e al giorno 14 ( 100 mg ) e in un periodo post-dosaggio di tre ore nel giorno 14.

I risultati hanno anche mostrato che il trattamento con Dipraglurant non peggiora i sintomi del Parkinson.

Dallo studio è emerso che il trattamento con Dipraglurant è sicuro e ben tollerato dai pazienti con malattia di Parkinson.
Tuttavia, l'efficacia dimostrata nel revertire la discinesia indotta dalla Levodopa deve essere confermata in un gruppo più ampio di pazienti. ( Xagena2016 )

Fonte: Movement Disorders, 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro