Mediexplorer

Miglioramento dei sintomi motori e della vita dei pazienti affetti da malattia di Parkinson, distonia e tremore con il sistema Vercise di stimolazione cerebrale profonda


La tecnologia di stimolazione cerebrale profonda ( DBS ) Vercise si basa sulla tecnologia degli impianti cocleari, che forniscono un controllo mirato e preciso della terapia per il trattamento dei disturbi del movimento e il miglioramento della qualità della vita dei pazienti.

Il sistema DBS Vercise è composto da uno stimolatore ( chiamato anche generatore di impulsi impiantabile, o IPG ) simile a un pacemaker. Lo stimolatore produce segnali elettrici di bassa intensità che viaggiano lungo cavi sottili chiamati elettrodi, connessi allo stimolatore.
Lo stimolatore è impiantato sottocute sotto la clavicola mentre gli elettrodi sono posizionati in una sezione specifica del cervello. Gli impulsi elettrici che stimolano una regione specifica del cervello potrebbero aiutare a migliorare la trasmissione dei segnali migliorando così, i sintomi dei disturbi del movimento.
Sebbene la stimolazione cerebrale profonda non rappresenti una cura, potrebbe aiutare a migliorare la vita quotidiana dei pazienti.

Il sistema Vercise è la prima e unica soluzione per la stimolazione cerebrale profonda con controllo multiplo e indipendente della corrente elettrica ( MICC ). Il MICC è stato ideato per consentire una stimolazione accurata e puntuale attraverso segnali elettrici precisi ottenuti tramite l’erogazione controllabile della corrente.

a) Il sistema di stimolazione cerebrale profonda dispone di un alimentatore per ciascuno dei 16 elettrodi presenti nel catetere, questo consente un posizionamento estremamente mirato ed accurato per ridurre al minimo gli effetti collaterali della stimolazione indesiderata e mantenere la terapia nel tempo.

b) Il MICC genera un controllo preciso della corrente per definire le dimensioni e la forma del campo di stimolazione ed è stato ideato per personalizzare la terapia per i singoli pazienti.

c) Usando il controllo multiplo e indipendente della corrente, invece del controllo del voltaggio, il sistema DBS Vercise è stato progettato per mantenere la terapia nel tempo tramite l'aggiustamento automatico alle variazioni di impedenza.

In aggiunta all'efficacia della terapia, il sistema DBS Vercise fornisce un IPG dalla più piccola dimensione dell’impronta, con contorni delicati e una batteria della durata di 25 anni, tutte caratteristiche create per migliorare la qualità della vita dei pazienti.

A) Con la più piccola dimensione dell’impronta dell'IPG e con una forma dai contorni delicati, l'IPG Vercise è stato progettato per offrire il massimo comfort ai pazienti.

B) Il sistema DBS Vercise usa una potente batteria ricaricabile con una durata fino a 25 anni. Grazie alla maggiore durata della batteria, i pazienti hanno minori probabilità di affrontare interventi chirurgici per le sostituzioni della batteria stessa e quindi delle preoccupazioni o rischi ad essi associati.

C) Inoltre, la durata della batteria del sistema DBS Vercise potrebbe consentire una stimolazione ottimizzata alle esigenze dei pazienti.

D) La batteria di Vercise è caratterizzata dalla tecnologia Zero-Volt, la cui realizzazione si avvale di una speciale composizione chimica che permette la scarica completa anche per lunghi periodi senza che ciò comporti una perdita sostanziale della capacità o un danneggiamento della batteria, anche quando il paziente si dimentica di ricaricarla.

E) In base all'attuale paradigma di programmazione, i medici devono trovare un equilibrio tra le impostazioni ottimali per il paziente e la durata della batteria. Grazie alla maggiore longevità della batteria del sistema DBS Vercise, i medici possono ottimizzare la stimolazione impostando i parametri in base alle esigenze dei pazienti, invece che impostarli per prolungare la vita della batteria dell'IPG. Il sistema di ricarica e il telecomando di Vercise sono cordless e wireless, ideati per la comodità e la facilità di utilizzo per il paziente.

F) Il caricatore è indossato in un leggero collare collocato sopra la spalla, che consente ai pazienti di rimanere attivi durante la carica.

G) Il telecomando di Vercise ha un range di comunicazione di 45cm ed è stato progettato per effettuare modifiche veloci e confortevoli allo stimolatore.

L’elettrocatetere Vercise è realizzato sfruttando una struttura multi-lume con e un sistema elettrodico ottopolare capace di massimizzare la porzione di tessuto interessata dalla stimolazione e minimizzando la distanza interelettrodica incrementandone la durevolezza e la longevità di tutto il sistema, riducendo quindi al minimo il rischio degli interventi di sostituzione.

L’obiettivo dello studio clinico VANTAGE, prospettico, multicentrico, non-randomizzato, in aperto, è stato quello di documentare gli esiti dei pazienti, inclusi efficacia, sicurezza e dati di economia sanitaria sulla stimolazione bilaterale del nucleo subtalamico ( STN ) tramite il sistema DBS Vercise per il trattamento della malattia di Parkinson idiopatica da moderata a grave, responsiva alla Levodopa.
I risultati preliminari hanno mostrato che :

A - Il sistema DBS Vercise ha dimostrato un miglioramento significativo delle funzioni motorie pari al 62.4% ( p inferiore a 0,0001 ) rispetto al basale, come valutato dalla scala UPDRS III ( Unified Parkinson’s disease Rating Scale Part III ) a 6 mesi dopo il primo impianto.

B - Ulteriori endpoint suggeriscono un potenziale miglioramento del tempo ON, delle attività della vita quotidiana e della qualità della vita per i soggetti affetti da malattia di Parkinson a 6 mesi.

C - La batteria ricaricabile di Vercise e il sistema di ricarica sono stati ben tollerati dai pazienti.

D - Sei mesi dopo l'impianto dell'elettrodo, circa il 75% dei programmi aveva la corrente frazionata per due o più contatti. ( Xagena2015 )

Fonte: Boston Scientific, 2015

Neuro2015 Farma2015


Indietro