Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
Tumori testa-collo

Scoperta una nuova causa della malattia di Parkinson: mutazioni in un gene denominato TMEM230


I ricercatori della Northwestern Medicine hanno scoperto una nuova causa della malattia di Parkinson, le mutazioni in un gene denominato TMEM230.
Questo sembra essere il terzo gene definitivamente correlato a casi confermati di malattia di Parkinson.

In uno studio pubblicato su Nature Genetics, i ricercatori hanno fornito evidenza di mutazioni nel gene TMEM230 nei pazienti con malattia di Parkinson sia del Nord America sia dell’Asia.
Hanno inoltre dimostrato che il gene è responsabile della produzione di una proteina coinvolta nell’impacchettamento del neurotrasmettitore dopamina nei neuroni.
La perdita di neuroni che producono dopamina è una caratteristica della malattia di Parkinson.

Nel loro insieme, i risultati dello studio hanno fornito nuovi indizi per spiegare come la malattia di Parkinson si sviluppi nel cervello.

Precedenti ricerche avevano associato la malattia di Parkinson a diversi fattori ambientali, ma le uniche cause dirette note sono genetiche.

Circa il 15% dei casi di malattia di Parkinson è ritenuto avere una causa genetica, principalmente da mutazioni in due geni denominati SNCA e LRRK2.
Altri geni sono stati solo associati a caratteristiche del parkinsonismo, un termine generale per disturbi neurologici con sintomi motori.

La prova, offerta dai ricercatori della Northwestern Medicine, che le mutazioni nel gene TMEM230 siano causa di malattia di Parkinson, è il risultato di 20 anni di ricerca.
Il progetto è iniziato nel 1996, quando i ricercatori hanno iniziato a studiare una famiglia con 15 membri che presentavano i sintomi tipici della malattia di Parkinson.
Utilizzando campioni di DNA hanno eseguito l'analisi dell'intero genoma su 65 dei membri della famiglia, tra cui 13 con la malattia, nella speranza di trovare una mutazione comune che avrebbe potuto spiegare la prevalenza.

Sono stati in grado di restringere la ricerca a una piccola regione di DNA sul cromosoma 20 che conteneva 141 geni noti.
Utilizzando la tecnologia di sequenziamento dell'esoma, hanno poi confrontato le variazioni del DNA di un membro della famiglia in buona salute con quelle di 4 membri della famiglia affette dalla malattia.
I ricercatori hanno riscontrato più di 90.000 varianti prima di riuscire a identificare TMEM230 come il gene con la mutazione che causa la malattia.

TMEM230 codifica per una proteina transmembrana che si estende attraverso la membrana delle vescicole sinaptiche, che raccolgono i neurotrasmettitori prima di essere rilasciati nelle sinapsi.

Gli attuali trattamenti sintomatici per la malattia di Parkinson aumentano i livelli del neurotrasmettitore dopamina che viene rilasciato dalle vescicole sinaitiche.
I ricercatori hanno ipotizzato che la proteina codificata da TMEM230 sia coinvolta nella movimentazione di queste vescicole.
I difetti del traffico vescicolare sono un meccanismo chiave nella malattia di Parkinson, non solo per i soggetti con questa mutazione, ma sono un percorso comune per la maggior parte dei casi.

Tutti e tre i geni individuati sono concentrati sulle vescicole sinaptiche.
La normalizzazione del traffico delle vescicole sinaptiche può rappresentare una strategia per un futuro sviluppo terapeutico.

Il gruppo di ricercatori ha anche trovato mutazioni nel gene TMEM230 nei casi di malattia di Parkinson in altre famiglie del Nord America e anche in regioni lontane come in Cina.
E’stato verificato che questi pazienti avevano sia le caratteristiche cliniche della malattia ( sintomi come tremori, lentezza nei movimenti e rigidità ), così come caratteristiche patologiche a livello cerebrale ( perdita dei neuroni dopaminergici e accumuli anomali di proteine all'interno dei neuroni sopravvissuti ). ( Xagena2016 )

Fonte: Northwestern University, 2016

Neuro2016



Indietro