Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN

Correlazione tra malattie autoimmuni e rischio di demenza


Uno studio a lungo termine, di ampie dimensioni, ha mostrato che le malattie autoimmuni possono essere collegate a un elevato rischio di demenza.
Tuttavia, sebbene significativa, l'entità dell'associazione era piccola, ma i risultati sono in linea con la teoria che l’Alzheimer potrebbe essere una malattia con una componente autoimmune.

È stato ipotizzato che l'attività autoimmune e l’attività infiammatoria possono avere un ruolo nello sviluppo di demenza.

Nel tentativo di provare a quantificare queste correlazioni, i ricercatori hanno preso in esame i dati sui ricoveri ospedalieri per il periodo 1998-2012 in Inghilterra.
Si desiderava sapere se il ricovero in ospedale per una malattia autoimmune fosse associato a un elevato rischio di successivo ricovero in ospedale a causa di demenza.

Durante il periodo di monitoraggio, più di 1.8 milioni di persone sono state ricoverate per una malattia autoimmune.

Rispetto alle persone ammesse in ospedale per altre cause, quelle ricoverate a causa di una malattia autoimmune avevano una probabilità del 20% più alta di essere, in tempi successivi, ricoverati per demenza.

Delle 25 malattie autoimmuni incluse nell'analisi, 18 sono risultate significativamente associate a demenza.
Queste comprendevano: malattia di Addison ( rischio aumentato del 48% ); sclerosi multipla ( rischio quasi doppio ); psoriasi ( +29% ); e lupus eritematoso sistemico ( +46% ).

La maggior parte di queste associazioni sono rimaste significative per 5 o più anni dopo il ricovero in ospedale per malattie autoimmuni.

Il tipo di demenza non è stato sempre documentato, ma il rischio è stato del 6% più alto per la malattia di Alzheimer, e del 28% più alto per la demenza vascolare.

Il più alto rischio di demenza vascolare potrebbe riflettere l’associazione tra malattia autoimmune e i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari e cerebrovascolari.
Le persone con malattie autoimmuni avevano una probabilità del 53% maggiore di essere ricoverati in seguito per malattia coronarica e una probabilità del 46% più alta di essere ricoverati per un ictus.

Un precedente ricovero ospedaliero per artrite reumatoide sembrava essere protettivo per la malattia di Alzheimer. Questo potrebbe essere spiegato dal fatto che le persone con artrite reumatoide hanno una maggiore propensione ad assumere farmaci antinfiammatori non-steroidei, che è noto essere associati a un più basso rischio di malattia di Alzheimer.

L'eccesso di rischio di demenza era significativamente più alto per gli uomini, rispetto alle donne, con sclerosi multipla, ma per la maggior parte delle altre condizioni i rischi relativi erano molto simili per entrambi i sessi.

Essendo questo uno studio osservazionale nessuna conclusione definitiva può essere tratta riguardo al rapporto causa-effetto.
Inoltre la ricerca era limitata alle persone ricoverate in ospedale. La dimensione delle associazioni riscontrate era piccolo.
Pertanto, i risultati dovrebbero essere considerati come indicativi e non-definitivi. Ulteriori ricerche sono necessarie per confermare o smentire queste relazioni. ( Xagena2017 )

Fonte: Journal of Epidemiology e Community Health, 2017

Neuro2017 Reuma2017



Indietro