Mediexplorer

Ictus ischemico acuto: l’aggiunta della trombectomia con stent mostra un miglioramento degli esiti neurologici


Una ricerca presentata all’International Stroke Conference ( ISC ) a Nashville ( Tennessee, Stati Uniti ) e pubblicata su The New England Journal of Medicine ( NEJM ), ha mostrato che l'aggiunta della trombectomia con stent Solitaire al trattamento farmacologico ha ridotto in modo significativo la disabilità nei pazienti colpiti da ictus.

Sia lo studio EXTEND-IA ( EXtending the Time for Thrombolysis in Emergency Neurological Deficits - Intra-Arterial ) sia lo studio ESCAPE ( Endovascular Treatment for Small Core and Proximal Occlusion Ischemic Stroke ) hanno valutato l'aggiunta di Solitaire al trattamento farmacologico standard basato sulla somministrazione per via endovenosa di tPA ( attivatore tissutale del plasminogeno ).

Lo studio ESCAPE ha valutato 316 pazienti, e ha trovato che i pazienti nel braccio di trattamento con stent, sono andati incontro a un’alta percentuale di ripristino dell'indipendenza funzionale ( o una riduzione della morbilità / disabilità causata dall’ictus ) e a un più basso rischio di mortalità conseguente a evento ictale rispetto al gruppo sottoposto al trattamento standard con solo tPA.
L'indipendenza funzionale è risultata significativamente migliorata ( 53% versus 29% ) nel 53% dei pazienti dopo trattamento.
Lo studio ESCAPE ha mostrato una riduzione statisticamente significativa della mortalità da ictus, con tassi quasi dimezzati ( 10% vs 19% ).

In modo analogo, lo studio EXTEND-IA ( n=70 ) ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo nel tasso di ripristino della indipendenza funzionale ( 71% vs 40% ) a favore dei pazienti trattati con Solitaire, rispetto al trattamento con la sola somministrazione per via endovenosa di tPA.
EXTEND-IA ha mostrato una forte, ma non statisticamente significativa, tendenza verso la riduzione dei decessi causati da ictus ( 9% nel gruppo Solitaire contro 20% del gruppo con sola somministrazione endovenosa di tPA ).
Inoltre, i pazienti trattati con Solitaire, hanno presentato una riduzione in modo statisticamente significativo dei tempi di degenza in ospedale o in riabilitazione prima del ritorno a casa o al lavoro ( 15 vs 73 giorni ).
Dallo studio è emerso un miglioramento statisticamente significativo nei tassi di ricanalizzazione a 24 ore del 100% con Solitaire contro il 37% con la sola somministrazione endovenosa di tPA.

ESCAPE ed EXTEND-IA hanno confermato i risultati dello studio MR CLEAN ( Multicenter Randomized Clinical trial of Endovascular treatment for Acute ischemic stroke in the Netherlands ), pubblicato su NEJM alla fine del 2014.
I risultati dello studio MR CLEAN hanno anche dimostrato che l'aggiunta della trombectomia con stent durante le prime fasi del trattamento dell'ictus ischemico acuto ha raddoppiato la probabilità di un buon esito neurologico.

Sia ESCAPE sia EXTEND-IA sono stati interrotti precocemente dal Comitato per la sicurezza a causa della solidità dei risultati, che hanno indicato un beneficio della trombectomia con Solitaire.
Disegnato per ripristinare il flusso sanguigno a livello cerebrale dopo un ictus ischemico, il dispositivo Solitaire rappresenta un trattamento alternativo per i pazienti con ictus ischemico in fase acuta.
Molti pazienti non sono eleggibili al trattamento endovenoso con tPA per il fatto che l’intervento viene effettuato dopo le tre ore dall'esordio dei sintomi, oppure perché presentano un’ampia occlusione dei vasi o le dimensioni dei coaguli ematici sono troppo grandi per essere dissolti dal trattamento farmacologico.

Il dispositivo Solitaire utilizza un microcatetere per accedere alle arterie cerebrali interessate dall’ictus mediante una incisione nella gamba.
Non appena posizionato, il dispositivo Solitaire favorisce l’immediato ripristino del flusso sanguigno e la rimozione dell'occlusione che causa l'ictus. ( Xagena2015 )

Fonte: Medtronic, 2015

Neuro2015



Indietro