Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
XXIII World Congress of Neurology

Funzioni cognitive dei pazienti con adenoma ipofisario secernente prolattina


Uno studio ha valutato le funzioni cognitive nei pazienti con adenoma pituitario secernente prolattina ( PRL ).

Lo studio caso-controllo su base ospedaliera ha verificato l'effetto della sovrapproduzione di prolattina sui processi cognitivi con una serie completa di test neuropsicologici per misurare memoria verbale, memoria non-verbale, attenzione, abilità visuo-spaziali, fluenza verbale e funzioni esecutive.

I dati sono stati raccolti da 40 partecipanti abbinati per età, sesso, manualità e istruzione ( 20 con adenoma ipofisario, 20 controlli sani ).
I pazienti sono stati esaminati il primo giorno del loro ricovero in ospedale nel reparto di Neurochirurgia della Medical University di Varsavia.
Sono stati condotti esami di risonanza magnetica per immagini ( MRI ) così come analisi del sangue dei livelli di ormoni ipofisari e prove di perimetria del campo visivo.

Il gruppo di pazienti aveva punteggi significativamente più bassi ai test di memoria verbale, memoria non-verbale e di attenzione rispetto ai volontari sani.

I risultati nei test di memoria e visuo-spaziali sono stati significativamente correlati negativamente con il livello di prolattina, ma non c'è stata marcata relazione tra funzioni cognitive e dimensione del tumore.

In conclusione, lo studio ha dimostrato una relazione significativa tra sovrapproduzione di prolattina e peggioramento dei processi cognitivi, in particolare nei campi della memoria e dell'attenzione nei pazienti ospedalizzati con adenomi ipofisari.
Una maggiore iperprolattinemia era associata a una riduzione più grande delle prestazioni cognitive.
Non vi è stato alcun effetto delle dimensioni del tumore. ( Xagena2016 )

Bala A et al, Neurology 2016; 86: 731-734

Onco2016 Neuro2016



Indietro