Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
XXIII World Congress of Neurology

Prevalenza di polineuropatia nella popolazione generale di mezza età e tra gli anziani


È stata determinata la prevalenza di polineuropatia cronica in una popolazione non-selezionata di residenti in comunità costituita da persone di mezza età e anziane.

Lo studio attuale ha fatto riferimento al Rotterdam Study prospettico, basato sulla popolazione.
Tra il 2013 e il 2015, 1.310 partecipanti ( età media 70 anni, 55% donne ) sono stati sottoposti a screening per la presenza di polineuropatia.
Questo screening consisteva in un questionario, un esame neurologico, e studi di conduzione nervosa.

La polineuropatia è stata diagnosticata da un pannello di consenso che ha classificato i partecipanti come affetti da nessuna polineuropatia, possibile, probabile o polineuropatia definita, a seconda del livello di anormalità dello screening.
Sono state esaminate le cartelle cliniche per valutare se il disturbo fosse stato diagnosticato prima e sono state eseguite indagini di laboratorio per determinare la presenza di fattori di rischio associati.

La prevalenza di polineuropatia definita è stata del 5.5%, standardizzata per età per la popolazione dei Paesi Bassi 4.0%.
La prevalenza è stata maggiore tra i partecipanti di sesso maschile ( 6.7% rispetto a 4.5% ) ed è aumentata con l'età.

Quando si sono combinate polineuropatia probabile e definitiva, la prevalenza standardizzata per età è stata del 9.4%.

Quasi la metà delle polineuropatie ( 49% ) era di nuova diagnosi.
La maggior parte delle polineuropatie era idiopatica ( 46% ).

Il diabete mellito, presente nel 31% dei partecipanti con polineuropatia, è risultato essere il fattore di rischio più comunemente riscontrato.

In conclusione, la prevalenza di polineuropatia nella popolazione generale di mezza età e anziana è di almeno il 4%, e aumenta con l'età.
Quasi la metà dei casi sono stati di nuova diagnosi, indicando che la presenza di polineuropatia è sottostimata o sottodiagnosticata.
Attualmente, quasi la metà delle polineuropatie è idiopatica.
Futuri studi prospettici di coorte dovrebbero concentrarsi sull'individuazione di nuovi determinanti della polineuropatia. ( Xagena2016 )

Hanewinckel R et al, Neurology 2016; 87: 1892-1898

Neuro2016



Indietro