Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Mayzent per il trattamento dei pazienti adulti con sclerosi multipla secondariamente progressiva attiva


Il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ) dell'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha adottato un parere positivo per Mayzent ( Siponimod ) per il trattamento dei pazienti adulti con sclerosi multipla secondariamente progressiva ( SPMS ) con malattia attiva evidenziata da recidive o caratteristiche all' imaging di attività infiammatoria ( es. lesioni in T1 che captano il Gadolinio o lesioni attive, nuove o ingrandenti, in T2 ).

Mentre la progressione della sclerosi multipla è diversa per ogni paziente ed è influenzata da molteplici fattori, incluso l'uso di trattamenti modificanti la malattia, si stima che fino all'80% dei pazienti finirà per passare dalla sclerosi multipla recidivante remittente ( RRMS ) alla forma di sclerosi SPMS.

Mayzent è il primo e unico trattamento orale specificamente indicato per i pazienti con sclerosi multipla secondariamente progressiva attiva sulla base di uno studio clinico randomizzato su un'ampia popolazione di pazienti affetti da sclerosi SPMS.

L'opinione positiva del CHMP per Mayzent si basa sui dati di EXPAND, uno studio di fase III, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che ha messo a confronto l'efficacia e la sicurezza di Mayzent rispetto al placebo nelle persone con sclerosi SPMS.
EXPAND ha anche studiato un sottogruppo di pazienti con malattia attiva ( n = 779 ), definito come pazienti con recidive nei due anni precedenti lo studio e/o presenza di lesioni in T1 che captano il Gadolinio al basale.
Le caratteristiche di base erano simili ad eccezione dei segni di attività rispetto alla popolazione complessiva.
I risultati di EXPAND nella popolazione generale hanno mostrato che Mayzent ha ridotto significativamente il rischio di progressione della disabilità confermata ( CDP ) a tre mesi ( endpoint primario; riduzione del 21% rispetto al placebo, p = 0.013 ) e ha significativamente ritardato il rischio di CDP a sei mesi ( 26% rispetto al placebo, p = 0.0058 ).

Nel sottogruppo di pazienti trattati con Mayzent con malattia attiva, i risultati hanno mostrato:

a) il tempo di insorgenza della progressione della disabilità a tre e sei mesi è stato significativamente ritardato, rispettivamente, del 31% e del 37% versus placebo;

b) il tasso di recidiva annualizzato ( ARR - recidive confermate ) è stato ridotto del 46% rispetto al placebo;

c) risultati favorevoli significativi in ​​altre misure rilevanti dell'attività di malattia, inclusa l'attività di malattia alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ) e la perdita di volume cerebrale.

Nel marzo 2019, Mayzent è stato approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense per il trattamento di forme recidivanti di sclerosi multipla ( RMS ), includendo la sindrome clinicamente isolata ( CIS ), la malattia recidivante remittente e la malattia secondariamente progressiva, negli adulti.

Siponimod è un modulatore selettivo del recettore della sfingosina 1-fosfato di nuova generazione. In relazione al recettore S1P1, Siponimod impedisce ai linfociti di uscire dai linfonodi e, di conseguenza, di entrare nel sistema nervoso centrale dei pazienti con sclerosi multipla. Questo si traduce in un effetto antinfiammatorio del farmaco.
Siponimod entra anche nel sistema nervoso centrale e si lega al sub-recettore S1P5 su cellule specifiche, tra cui astrociti e oligodendrociti e ha mostrato effetti pro-rimielinizzanti e neuroprotettivi nei modelli preclinici di sclerosi multipla.

EXPAND è uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che ha messo a confronto l'efficacia e la sicurezza di Mayzent rispetto al placebo nelle persone con sclerosi SPMS con diversi livelli di disabilità, punteggi EDSS di 3.0–6.5.
Ad oggi è il più grande studio randomizzato e controllato su SPMS, con 1.651 persone con una diagnosi di SPMS da 31 Paesi.
Mayzent ha dimostrato un profilo di sicurezza complessivamente coerente con gli effetti noti della modulazione del recettore S1P.
Il farmaco ha ridotto il rischio di progressione della disabilità a tre mesi di un 21% statisticamente significativo ( p=0.013; endpoint primario ). La CDP è stata definita come un aumento di 1 punto alla scala EDSS, se il punteggio di base era 3.0 - 5.0, o un aumento di 0.5 punti, se il punteggio di base era 5.5 - 6.5.
Non sono state riscontrate differenze significative nel test di deambulazione T25-FW, tuttavia, il volume delle lesioni in T2 è risultato ridotto del 79% rispetto al placebo.
Ulteriori endpoint secondari includevano una riduzione relativa dell'ARR del 55%; rispetto al placebo, un numero maggiore di pazienti è risultato esente da lesioni che captano il Gadolinio ( 89% vs 67% per il placebo ) e da lesioni in T2 nuove o in ingrandimento ( 57% vs 37% per placebo ). ( Xagena2019 )

Fonte: Novartis, 2019

Neuro2019 Farma2019


Indietro