Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Quviviq, un nuovo trattamento per gli adulti con insonnia


Il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ), Comitato scientifico dell'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ), ha adottato un parere positivo per l'uso di Quviviq ( Daridorexant ) come primo antagonista del doppio recettore dell'orexina nell'Unione europea ( UE ) per il trattamento dei pazienti adulti con insonnia caratterizzata da sintomi presenti da almeno 3 mesi e con notevole impatto sul funzionamento diurno.

L'opinione positiva del CHMP è supportata dai dati cardine di fase 3, pubblicati su The Lancet Neurology, che hanno dimostrato che Daridorexant ha migliorato i sintomi notturni e il funzionamento diurno negli adulti con disturbo da insonnia al primo e al terzo mese rispetto al placebo, con un profilo di sicurezza favorevole.
L'efficacia e la sicurezza di Quviviq sono ulteriormente supportate da uno studio di estensione di follow-up a lungo termine che, insieme agli studi cardine, ha fornito dati clinici per un massimo di 12 mesi di trattamento continuo.

Il disturbo d'insonnia è definito come difficoltà ad iniziare o mantenere il sonno, causando disagio clinicamente significativo o compromissione di importanti aree di funzionamento.
Questo impatto sulla quantità o qualità del sonno dovrebbe essere presente per almeno 3 notti a settimana, durare almeno 3 mesi, e si verifica nonostante un'adeguata opportunità di dormire.
Le persone con insonnia riportano un'ampia gamma di disturbi diurni, dalla stanchezza e riduzione delle energie all'alterazione dell'umore e alle difficoltà cognitive.
L'alterato funzionamento diurno è fonte di preoccupazione delle persone che vivono con il disturbo di insonnia.

Il Programma di fase 3 con Daridorexant è stato il primo a misurare in modo completo l'impatto del trattamento farmacologico su tutti gli aspetti della condizione, compreso il funzionamento diurno percepito dai pazienti.
Dai dati è emerso che Daridorexant non solo è in grado di migliorare significativamente l'inizio del sonno, il mantenimento del sonno e il tempo totale di sonno negli adulti con disturbo di insonnia, ma anche il funzionamento diurno dei pazienti, il tutto con un favorevole profilo di sicurezza.
Il trattamento può fornire benefici sia sui sintomi notturni che sul funzionamento diurno senza i limiti associati agli attuali trattamenti per l'insonnia, come l'insonnia di rimbalzo all'interruzione del trattamento, i sintomi di astinenza, il rischio di dipendenza o gli effetti residui nel mattino successivo, modificando completamente l'approccio al trattamento dell'insonnia.

L'insonnia è associata all'iperattività del segnale di veglia a livello cerebrale. Quviviq è un antagonista del doppio recettore dell'orexina, che blocca il legame dei neuropeptidi orexine ( orexina-A e orexina-B ), che promuovono la veglia, e si ritiene riduca lo stato di veglia iperattiva, al contrario dei trattamenti che generalmente sedano il cervello.

Il Programma di studi di registrazione di fase 3 ha incluso due studi di 3 mesi, insieme a uno studio di estensione in doppio cieco a lungo termine. Il Programma ha arruolato circa 1.850 pazienti con disturbo di insonnia.
Poiché l'insonnia si manifesta spesso nella parte tardiva della vita e gli anziani sono più suscettibili a sperimentare il sonno frammentato, il risveglio precoce e la sonnolenza diurna, circa il 40% della popolazione arruolata aveva almeno 65 anni di età.

Gli studi controllati con placebo hanno studiato gli effetti di 3 dosi di Daridorexant ( 10 mg, 25 mg e 50 mg ) sul sonno e sui parametri di funzionamento diurno, oggettivamente in un laboratorio del sonno mediante polisonnografia e soggettivamente con un diario giornaliero del paziente a domicilio.
L'impatto dell'insonnia sul funzionamento diurno dei pazienti è stato misurato quotidianamente utilizzando il punteggio del dominio della sonnolenza con il questionario IDSIQ ( Insomnia Daytime Symptoms and Impacts Questionnaire ), uno strumento di esito riportato dal paziente ( PRO ), sviluppato e convalidato dall'FDA.

Più di 800 pazienti hanno continuato il trattamento nello studio di estensione di 40 settimane, che ha misurato l'effetto di tutte e 3 le dosi rispetto al placebo, generando dati per il trattamento a lungo termine del disturbo d'insonnia.

I dati di fase 3 sono stati riportati in The Lancet Neurology: gli studi cardine hanno dimostrato che Daridorexant 50 mg ha migliorato significativamente l'inizio del sonno, il mantenimento e il tempo di sonno totale auto-riferito al primo e al terzo mese rispetto al placebo.
L'effetto maggiore è stato osservato con la dose più alta ( 50 mg ), seguita dalla dose di 25 mg, mentre la dose da 10 mg non ha mostrato effetto significativo.
In tutti i gruppi di trattamento le proporzioni degli stadi del sonno sono state preservate, contrariamente ai risultati riportati con gli agonisti del recettore delle benzodiazepine.

Uno degli obiettivi principali degli studi era valutare l'impatto di Daridorexant sul funzionamento diurno nei pazienti con disturbo di insonnia, valutato dal questionario IDSIQ.
Il punteggio del dominio della sonnolenza con il questionario IDSIQ è stato valutato come un endpoint secondario chiave in entrambi gli studi cardine.
Daridorexant 50 mg ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo della sonnolenza diurna al primo e al terzo mese.
Il punteggio del dominio della sonnolenza non è risultato significativamente migliorato con 25 mg in nessuno degli studi e in nessuno dei due momenti temporali.

L'incidenza complessiva degli eventi avversi è stata comparabile tra i gruppi di trattamento. Gli eventi avversi verificatisi in oltre il 5% dei partecipanti sono stati: nasofaringite e cefalea.
Non ci sono stati incrementi dose-dipendenti degli eventi avversi nell'intervallo di dosaggio, tra cui sonnolenza e cadute.
Inoltre, non sono stati osservati dipendenza, insonnia di rimbalzo o effetti di astinenza dopo la brusca interruzione del trattamento.
In tutti i gruppi di trattamento, gli eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento sono stati numericamente più frequenti con il placebo rispetto a Daridorexant. ( Xagena2022 )

Fonte: Idorsia, 2022

Neuro2022 Farma2022


Indietro